Il Voglioso di Dio – Edizione Cartacea

(14 recensioni dei clienti)

19.00

127 disponibili

COD: AZJS04-2 Categorie: ,

Descrizione


+ € 3,00 di spese di spedizione


Sinossi di “Il Voglioso di Dio” di Armando Zoff

Il titolo racchiude un’apparente antitesi: memorie erotiche di un’anima incantata dal sesso e diario intimo di un ricercatore spirituale. L’Eros è veicolo di incontro verso l’altro, che assurge a Tempio del Divino e si fa tramite di un’espansione di coscienza e una libertà di essere che si rinnovano ad ogni incontro.
Dice Don Luigi Ciotti: “Oggi è eretico chi mette la propria libertà al servizio degli altri. Chi impegna la propria libertà per chi ancora libero non è. Eretico è chi ha il coraggio di avere più coraggio”.
“Il voglioso di Dio” indaga la complessità di un’esperienza di vita: dapprima sconcertante e poi riconosciuta come richiamo dell’anima ad adempiere la Sua missione. Liberato dalla gabbia del giudizio, ogni evento è amato e ringraziato. I “rapimenti” verso la dimensione trascendente dell’infanzia, l’adolescenza e l’iniziazione alla sensualità, e poi l’età adulta, impregnata di sostanza invisibile ed esoterica, di stordimenti passionali congiunti al rapimento erotico. Come uno scoiattolo della penna, Armando Zoff raggiunge vette di consapevolezza con istinto naturale e poi scende verso abissi d’ombra con giocosa leggerezza.
Un ardito e sorprendente memoir donato al mondo.


 

 

 

14 recensioni per Il Voglioso di Dio – Edizione Cartacea

  1. Patrizia

    Libro che si fa leggere
    velocemente .
    Un diario di racconti , un preciso studio personale che si fa apertura anche per il lettore , infatti leggendolo ci si apre al porsi domande e a guardare il proprio personale vissuto da un’altra prospettiva .
    Ciò che ha vissuto l’autore viene messo a nudo in tutti i suoi aspetti ,
    Una sessualità e intimità vissuta dal vero sia nei rapporti amorosi , familiari e di amicizia e che mette di fatto a contatto con la propria .
    Un libro che apre alla libertà di una spiritualità vissuta in corpo vivo e pulsante di passione alla ricerca della propria essenza a contatto con il sentire che è per sua natura già divino , in questo meraviglioso ‘gioco ‘ che ci interconnette tutti e che è la vita .
    Grazie ad Armando che coraggiosamente ha scritto e pubblicato questo libro e alla sua dote di facilitatore che sapientemente usata nelle sue consulenze aiuta le persone che si rivolgono a lui ad entrare in una dimensione ancor più profonda dell’esistenza qui in questa Terra .

  2. Lorena

    L’ultimo capitolo di questo esaltante libro “I peli del naso di lei”, racchiude in poche frasi il succo di questo scritto, Armando ti rimane in testa e spunta nei pensieri quando più ne hai bisogno. Ti aiuta a scardinare i meccanismi mentali per trarne massimo beneficio. Nessun scandalo od oltraggio ma “solo” amore nell’esistere. La mia stima totale va ad Armando che si offre a noi lettori totalmente privo di maschere e sovrastrutture per accompagnarci nel percorso della vita che, come lui dice è un esperienza STRONG. Non potrò mai ringraziarti abbastanza. Lorena

  3. Patti

    In questa ultima opera ho trovato Narciso e Boccadoro nella stessa persona, a volte una miscela esplosiva, ma sempre sulla via della libertà.
    Letto d’un fiato, arrivata all’ultima pagina, ne volevo ancora…

  4. Fabrizio

    Grazie Armando per questo tuo dono così pieno di vita e di Corpo. Grazie per aver osato te stesso. Un viaggio interiore che ha come meta la libertà: IO, SONO IO.

  5. David L.

    “Il voglioso di Dio” ha il potenziale incendiario delle opere che i benpensanti definiscono “scandalose”: parlano del sé dell’autore, che svela ipocrisie e narra intensi incontri erotici. Allo stesso tempo, il libro mostra con naturalezza dinamiche che caratterizzano l’identità omosessuale, senza creare compartimenti o divisioni ma inneggiando alla sostanziale unità: nello spirito di ricerca dell’autore e nella libertà autentica del suo percorso di vita, ognuno può scorgere un lucido specchio per riflettere sulle relazioni. Si tratta di un libro spirituale, nel senso più profondo: mostra che il corpo è un tempio. Attraverso le esperienze più disparate, che il codice sociale stigmatizza come “diverse” o “eccessive”, l’autore ci fa attraversare portali che schiudono rivelazioni sul codice dell’anima. “Il voglioso di DIo” infatti è anche la storia dell’ascolto che l’autore sa porgere all’anima emozionale, l’attenzione al dialogo con il divino che è in noi, attraverso un viaggio nell’underworld e ritorno, per acquisire consapevolezza.

  6. valentina

    Come accade spesso agli ottimi libri, il Voglioso di Dio è una lettura che offre più livelli di interpretazione, sempre più profondi. Una lettura superficiale suggerirebbe una raccolta di racconti erotici; una lettura più approfondita regala molti insight sul sesso come modalità di interazione con l’altro; e a un livello ancora superiore troviamo un libro che parla del significato profondo della vita.
    Lo consiglio a chiunque!

  7. Francesca

    Armando,come è solito fare nei suoi libri, ma particolarmente in questo, ci spinge fuori dalla nostra zona di comfort, perché si possano osservare impietosamente i nostri limiti. È un diario su come la crescita individuale e spirituale non prescinde dalla nostra carnalità più viva e pulsante e che ci mette di fronte al fatto che raramente riusciamo ad ammettere a noi stessi quanto eros e anima siano integrate e necessarie per diventare consapevoli e liberi. Un testo provocatorio e irriverente, a tratti volutamente disturbante, che solleciterà molte emozioni, non tutte facili da affrontare. Grazie Armando per l’autenticità del contributo alla bellezza e alla crescita di ciascuno di noi.

  8. Emma

    Quanto coraggio nel mettere a nudo il proprio percorso di crescita e di progressione…farlo attraverso la narrazione degli episodi della propria esistenza da un punto di vista animico è già di per sè complicato, ma farlo con riferimento alla sfera sessuale davvero non è da tutti! Il “voglioso di Dio” è un libro forte e diretto, con una chiave di lettura per me chiara: la comprensione che gli stati mediante i quali si diventa uomini e donne non sono poi così diversi, poiché la conoscenza del sesso altro non è che la conoscenza di se stessi e degli altri. E’ un libro magnetico al punto che, una volta iniziato, non si può che leggere quasi d’un fiato! Al contempo è quasi “urticante” poichè brucia letteralmente il cosiddetto senso comune del pudore e si finisce per vivere all’unisono le situazioni narrate dallo scrittore in un vortice di passioni e riflessioni. Nonostante viviamo in un’epoca in cui tutto appare sdoganato, questo testo è dirompente, da voce ai pensieri più inconfessabili…abbatte muri e toglie veli non senza tracciare linee e spunti di riflessioni profondissime!
    Avanti così, Armando Zoff!

  9. shop_AltoVoltaggio@

    MADAME XXXX

    Sto leggendo il libro di Armando Zoff che mi hai suggerito…Una figata pazzesca. Bellissimo! Grazie! Un libro che se avessi 15 anni marinerei la scuola per stare a casa a leggerlo ma visto che no ho 57 lo terrò in borsetta che non si sa mai…magari al semaforo rosso riesco a scorrerne qualche riga…..SUPER!

    NB: NOTA DELL’EDITORE. Ci si è permessi di pubblicare questo notevole contributo pervenutoci per via traverse, di cui ci è sconosciuta l’identità del recensore

  10. Tiziano

    Ho letto e apprezzato altri libri di Armando e ho trovato nella sua scrittura una forte componente autobiografica che si snoda tra diversi registri. In questo libro in particolare si fa un salto nel buio, nel non detto, in tutto ciò che rispetto alla sessualità e alla spiritualità gli autori più venduti non dicono, non raccontano, non confessano. Armando si racconta nuovamente ma stavolta lo fa mettendosi ancora più a nudo, senza filtri, parlando della sua omosessualità. E’ un libro dove si tocca la sofferenza dell’autore ma allo stesso tempo si ride e si sorride davanti alcuni episodi vissuti. E’ un libro tragicomico. Una lettura che spinge a riflettere, a farsi delle domande, a guardare la complessità del reale e delle relazioni da un punto di vista soggettivo ma che ci spinge ad entrare nell’intimo di uno scrittore facendoci vivere le sue vicende personali che, come nel viaggio dell’eroe, diventano vicende universali.

  11. Imma procentese

    I libri raccontano, parlano d’amore, immergono la mente e il cuore in mondi fantastici o reali, fiabeschi o terrificanti. Ma “Il Voglioso di Dio” è un libro/strumento in grado di sfogliare uno ad uno tutti i veli che ricoprono l’imbarazzo di un’Etica oramai obsoleta e stantia. Ti accompagna con selvaggia spudoratezza nel labirinto delle emozioni, quelle sane fatte di timori, ansie, aspettative, tradimenti, propositi ma anche di desideri, fremiti, voglie. Pagina dopo pagina oltre a sentirti terribilmente eccitata ti riscopri incuriosita da ciò che suscita in te ogni vibrazione di desiderio come ogni risvolto psicologico che il libro porta in sé. È un faccia a faccia con i tuoi condizionamenti e le tue strutture rigide. Ti senti davvero una donna mascherata che mentre legge cerca di difendere la propria morale dagli attacchi di una diversa etica, che questo libro ti mostra più vera, nuda, in cui piano piano non puoi che riconoscerti. E… Nonostante si descrivano momenti e desideri non canonici, ti senti trascinata in una forte emozione che permette, grazie alla straordinaria capacità dell’Autore, di sentirti coinvolta nella più sacra azione di destrutturizzazione del tuo fragile ma VOGLIOSO Essere.

  12. Francesco

    Questo libro ti obbliga ad entrare in contatto con le tue parti più intime legate alla sessualità, al senso di colpa, al Pudore. Poiché non abbiamo la capacità di distinguere fra la realtà reale e quella immaginata, le parole dette o lette creano realtà quanto gli accadimenti quotidiani. Il voglioso di Dio suscita tante immagini, immagini che possono essere incompatibili col tuo autoinganno, attivando meccanismi di resistenza interiore. Un libro a specchio che ti costringe a confrontarti con te stesso per sperimentare la diversità. Il cambiamento passa dalla esperienza anche se vissuta osservando l’altro il quale nel suo realizzarla ce lo rende possibile.

  13. Marina Argenti

    Ho letto il tuo libro Armando, “il voglioso di Dio”. Senza sapere nulla di te, ti ho trovato, quasi che ti stessi cercando! Non mi stupisco ormai più di tutte le sincronicitá che accadono. Ti voglio solo lasciare un segno di gratitudine per aver scritto questo libro, per aver aperto la porta della tua intima realtà, permettendo a me che ti leggo di rispecchiarmi nella mia interezza ed essenza senza giudizio …ho sentito la forza del coraggio che l’amore da, l’erotismo che da forma alla bellezza.
    C’è tanto nutrimento nel tuo libro, senza far appello a teorie o lezioni da impartire, ma solo vita vera che condividi generosamente .
    Ti benedico anima libera, l’amore sia sempre con te.
    Sarai ancora in mia compagnia nel prossimo libro che inizio a leggere , curiosa di scoprire tutti i tuoi mondi.
    Un abbraccio
    Marina

  14. Francesco Giacovazzo

    Dissacrante, oltraggiosa autobiografia che mette a nudo senza censure un’anima fatta di carne, sensi, desideri e voglie, alla continua ricerca di redenzione che ottiene non allontanandosi dalla materia fisica ma al contrario ingoiandola e assaporandola tutta. Eros si fa Dio e usa l’ autore per fargli conoscere tutti i suoi mondi indecenti e sublimi. Alla fine gli dona l’ amore di sé stesso dopo l’ estrema prova che gli stava costando la vita. Le sue esperienze erotiche diventano un percorso iniziatico pieno di prove e di pericoli ma anche di consapevolezze e saggezza. Consigliato

Aggiungi una recensione

Invia la tua recensione!